Incontri

Da una settimana ho un nuovo amico. Si chiama Nicola, ha 73 anni e lo incontro ogni mattina sul lungo Po mentre vado a fare la passeggiata fino al mio posticino del cuore con Ciro. Ci siamo incontrati la prima volta Lunedì, mi ha chiesto il nome del cane e siccome è di Salerno ci siamo messi a scherzare ed è partito il solito siparietto :” Ciiiro mannaggia ‘ morte!” Con conseguente racconto drammatico del ritrovamento della creatura abbandonata in tangenziale.

Adesso lo incontro tutti i giorni seduto sulla stessa panchina, mentre aspetta la moglie che gli va a ritirare le analisi all’ospedale lì vicino. Lui mi chiede di sedermi, io mi nego e lui mi dice:- se ti fermi un secondo ti faccio una promessa- Io che sono curiosa come una scimmia ci casco subito e lui mi dice che mi promette che se mi siedo posso dargli un bacino.

Così incominciamo a parlare, seduti su quella panchina. Lui mi fa un sacco di complimenti, io fingo di crederci e Ciro bruca l’erba. l’altro giorno mi ha chiesto cos’ho che non va che nessuno mi ha ancora “arrubbata”. Io gli ho risposto che preferisco i contratti ad uso transitorio, lui ha riso ma secondo me non ha capito e sotto sotto avrà pensato che  fossi un po’ bagascia.

Quando scorge da lontano la moglie che sta arrivando, giuro, si emoziona come un bambino e mi dice che quella donna lì ogni giorno gli salva la vita, che è la cosa più preziosa che ha e che se è ancora vivo lo deve solo a lei. Lei arriva, carica come un somaro, un po’ timida e sorridente, ci fermiamo a parlare tutti e tre ancora un momento e poi ognuno per la sua strada fino al mattino seguente.

Io  penso quanto segue: che Nicola da giovane sia stato un gran furbetto ma di quelli chiacchieroni con lo spirito leggero che non farebbero mai male ad una mosca. Che gli uomini apprezzino la dedizione delle donne in differita e che alle donne alla fine tocca sempre il lavoro sporco, ma che lo sanno fare con molta grazia.

Io che segretamente sto cercando di carpire più informazioni possibili sull’amore, resto invece sempre più confusa. Ma credo che l’immagine di Nicola che aspetta la sua “preziosa” sulla panchina, possa esserne una sfumatura abbastanza veritiera.

 

ponte-isabella-299x224

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...